No al Parco Eolico in Alta Valmarecchia!

Valmarecchia – La Consulta dei Servizi e le giunte delle regioni Emilia Romagna e Toscana hanno bocciato il progetto del Parco Eolico che avrebbe (o devasterà più avanti) il paesaggio appenninico tra i comuni di Casteldelci (Rimini), Badia Tedalda (Arezzo) e Verghereto (Forlì Cesena).

Parliamo di un progetto che prevede 36 torri di 180 metri di altezza dal forte impatto paesaggistico. In sostanza quello che era Poggio dei Vescovi non esisterà più, essendo previste enormi piazzole per l’ancoraggio delle torri ed il montaggio delle giganti pale eoliche.

Il sindaco di Casteldelci, in modo molto discutibile sta “ringhiando” sui principali quotidiani locali, dall’altro le associazioni ambientaliste come “rete resistenza dei crinali” (http://reteresistenzacrinali.wordpress.com/2011/10/11/piero-della-francesca-a-strisce-rosse-nel-vento/) e Italia Nostra plaudono alla sentenza della Conferenza dei servizi svoltasi il 10 ottobre scorso a Firenze.

Da parte nostra, come Redazi0ne, possiamo solo essere felici per l’ambiente circostante. La tendenza di una popolazione scarsa e che cerca lavoro fuori comune non può essere certo risolta da Geo Italia o dal sindaco Fortini che, in nome delle energie alternative, “garantiranno il lavoro almeno a 30 giovani del luogo per almeno 30 anni” con un impianto eolico tra i più grandi in Italia. Va bene, ma questi 30 giovani quali mansioni svolgeranno sindaco? Sono tutti ingegneri elettrotecnici? Oppure a quali ditte edili appartengono? A nostro avviso vi sono più dubbi che certezze ed è grazie ad Italia Nostra che si è scoperto che il 50% dei terreni coinvolti nel comune di Badia Tedalda sono di proprietà del sindaco Giovannini e di suo fratello. Quindi è evidente che vi siano altre ragioni per promuovere a tutti i costi questo Parco Eolico oltre al benessere di tutta la comunità…

Il territorio dell’Alta Valmarecchia ha un’unica vocazione: quella turistica e il mantenimento del suo ambiente. Sta però ai anche ai cittadini stessi informarsi e confrontarsi con le istituzioni avendo chiara una visione del futuro. Davvero credete che un impianto eolico non possa generare anche problemi alla salute umana? Il rumore delle turbine eoliche a bassa frequenza si diffonde facilmente ed è in grado di provocare insonnia e cefalee, quindi aumento dello stress e conseguente peggioramento della propria vita per…qualche euro in meno in bolletta? Quando sarebbe più facile incentivare la soluzione dei pannelli fotovoltaici su tutti i tetti delle case, così da garantire una parziale indipendenza elettrica.

Siamo convinti che ne vedremo ancora delle belle.

Redazione Rimini Reporter

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...