Castello di Antico

ValMarecchia (Maiolo) – Vi sono cose che non annoiano mai. Anzi, è curioso vedere che a ben  pochi interessa qualcosa. Vi è una piccola località nel comune di Maiolo, ValMarecchia, che si  chiama Antico. Passata Novafeltria il paesaggio montano della valle cambia notevolmente. Gli  spazi verdi aumentano, le macchie boschive pure. Arriviamo a ponte Molino Baffoni e  proseguiamo verso destra. La strada comincia ad inerpicarsi e se non lo sai, la deviazione  immediata sulla sinistra per Antico la perdi, ma non noi. Dopo anni di scoutismo nella valle non possiamo fare un errore del genere. Passiamo a fianco l’antica chiesa di Santa Maria d’Antico, ma non è la meta di oggi (ci torneremo più avanti, nelle prossime settimane). La meta è Antico. Scopriamo con stupore nei mesi scorsi che era un castello, dei conti Oliva. Pensavamo di conoscere abbastanza questi luoghi di gioventù. L’immaginario comune sono fortilizi modello San Leo, Maioletto oppure Isingard (il Signore degli Anelli). Niente del genere. Arrivati all’altezza del cimitero bisogna stare attenti a proseguire sul sentiero che porta fino al “castello”. Nei tempi d’oro, ricordo bene, quando c’era la neve bisogna salire nel portabagagli della vettura del capo (un’Alfa 75) per dare peso alla trazione posteriore. (Le catene!…direte voi, ma 20 anni fà…era scoutismo di sopravvivenza). Ogni estate invece il gruppo Scout Rimini 3° era solito fare la propria festa del Gruppo sempre ad Antico. Una volta la chiesa, sconsacrata, era fruibile. Attaccata vi era la casa a tre piani con letti, una cucina e bagni adatti per accogliere le camicie azzurre, le sentinelle della natura, e non solo. A volte si lasciava Rimini, da grandicelli, per cercare il divertimento fuori dalla baraonda estiva riminese. Un fuoco, qualche birra e vino, spaghetti alla trapper….e sacco a pelo alla diaccio. Che ricordi. Oggi cos’è Antico? Un rudere, da quando il Vescovato del Montefeltro ha ritirato al movimento scout riminese la possibilità di fruirne. Oggi si trova un trasmettitore della Rai.

Ogni volta, spesso, che vi passiamo il ricordo e la malinconia ci pervadono ed una ascesa a piedi verso Antico la facciamo volentieri. Perchè non trasformarlo in ostello per i viandanti? Perchè non trasformarlo in Osservatorio permanente sulla salute della Valle a disposizione delle guide ambientali escursioniste, gruppi scout? Non c’è bisogno di creare nulla da nuovo, ma ristrutturare. Onestamente attendiamo da anni che qualcosa si smuova.

Mt

One thought on “Castello di Antico

  1. …Antico risveglia ricordi indelebili, fortunatamente. La Natura, la Gioia di stare attorno ad un fuoco ad ammirar le stelle. Momenti unici, che vorrei mia figlia un giorno vivesse insieme a me.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...